Gli azionisti di Tesla sono scesi del 5%

Gli azionisti di Tesla sono scesi del 5% su TSLA dall’acquisizione di Bitcoin, sostiene Peter Schiff

Vocal Bitcoin hater dubita che Tesla sia in reale profitto dopo l’acquisto di Bitcoin e ha dichiarato che i suoi azionisti sono in calo del cinque per cento da quando ha avuto luogo quell’evento

In un recente tweet, mentre disputava con Anthony Pompliano, l’eminente critico di Bitcoin Peter Schiff ha messo in dubbio che gli azionisti di Tesla stiano beneficiando dell’ingresso del Crypto Trader produttore di auto in Bitcoin.

Ha anche opinato che Tesla potrebbe avere difficoltà a fare un profitto effettivo dal Bitcoin che ha acquistato.

„Gli azionisti di Tesla sono scesi del cinque per cento su TSLA dall’acquisto di Bitcoin“.

Il CEO di Euro Pacific Capital Peter Schiff ha twittato che, da quando Tesla ha acquistato 1,5 miliardi di dollari di Bitcoin l’8 febbraio, il Bitcoin è salito alle stelle, passando da 36.900 dollari a 46.200 dollari. I dati provengono da un grafico di CoinMarketCap.

Secondo un grafico del Nasdaq, l’8 febbraio, le azioni di Tesla (TSLA) sono salite a 863,42 dollari per azione. Tuttavia, il 10 febbraio, il prezzo è sceso a 804 dollari, e TSLA è scambiato a 816 dollari al momento della stampa.

Ma gli azionisti #Tesla sono già scesi di circa il 5% sulle azioni Tesla da quando è stato annunciato l’acquisto di #Bitcoin. Non esattamente un’approvazione squillante.

Tesla avrà difficoltà a trarre profitto da Bitcoin, crede Schiff

Inoltre, il capo di Euro Pacific Capital ha sottolineato che, nonostante il Bitcoin stia salendo e Tesla stia guadagnando il 40% sulla sua scommessa BTC, come ha twittato Pomp, il gigante della produzione di auto non può effettivamente realizzare alcun profitto reale finché non vende il suo BTC.

E poiché si tratta di un’enorme quantità di cripto, Tesla potrebbe avere difficoltà a trovare acquirenti per il suo BTC.

Inoltre, Tesla non ha un profitto finché non vende. Trovare acquirenti per quel Bitcoin potrebbe essere molto più difficile di quanto non lo sia stato trovare venditori.

L’autore del „Cigno nero“ lascia Bitcoin, Schiff „approva“

Come riportato da U.Today venerdì scorso, l’importante investitore e studioso Nassim Nicholas Taleb – che è anche famoso per i suoi libri, „Cigno nero“, „Antifragile“, „Pelle nel gioco“, ecc – ha twittato che ha deciso di vendere le sue partecipazioni in Bitcoin.

La ragione che ha citato è la volatilità troppo alta del BTC. Ha dichiarato che la moneta non dovrebbe avere più valore delle cose che si possono comprare o vendere con essa. Non si può dare un prezzo ai beni in BTC, ha aggiunto.

In precedenza, però, Taleb ha elogiato Bitcoin e le criptovalute in generale quando nel 2019 è scoppiata una crisi economica in Libano.

Schiff ha commentato anche questo, usando il tweet di Taleb come un altro argomento contro Bitcoin e cercando di beneficiare della buona reputazione dello studioso negli ambienti finanziari.